Mery Turcato

 

Con particolare emozione  Radio Oreb  presenta la poetessa Mery

Mery " era " una ragazza gioiosa e piena di vita
e tutti facevano a gara per averla accanto,
ora,  che sono passate le stagioni
e il tempo le ha tolto i colori della primavera, ma non del suo cuore,
nella sua voce, anche se sussurrata,
c'è quella forza che ti penetra dentro e pervade anche gli angoli più bui
e difficilmente passa senza lasciare traccia 
Siro C.

tratto da una registrazione di "C'era una volta" ascoltiamo dalla sua voce " Bisognaria "

 

 

"B I S O G N A R I A…”

 

Se fusse istituio

on processo a le intenzion,

la prima scusa ‘ndaria

a la parola bisognaria.



Bisognaria saver co’ quale scusa

se pol scampar dal’imputassion.

 

Nessun se scansa

par no’ averla pronunçià

e quanto fià xe sta sprecà par gnente.

 

Bisognaria giutar tanta zente

che vive sola, squasi desmentegà.


Bisognaria farghe compagnia

a quel malà che i s’à stufà de rancurar.


Bisognaria consolar quela mama e quel papà

che ga i fiòi co’ la vita incatigiàda.

 

Bisognaria darghe ‘na man

a quel che xe butà fora de casa.


Senza dir gnente, de quel che vede

solo co’ la mente.

Bisognaria che no’ ghe fusse al mondo

né fame nè guera,

ma più par tera de cussì, l’omo no’ pol star.


Ognun co’ la so idea

crede de essar giustificà

Usando la parola bisognaria.

 

Quel giudice che ne gavarà da scoltar,

podaralo dir quanti che se ne pol salvar?



MERY TURCATO.

 

 

 

 

 

ascoltiamo dalla sua voce " Bisognaria "
Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

“ B I S O G N A R I A…”

Se fusse istituio

on processo a le intenzion,

la prima scusa ‘ndaria

a la parola bisognaria.


 

Bisognaria saver co’ quale scusa

se pol scampar dal’imputassion.

Nessun se scansa

par no’ averla pronunçià

e quanto fià xe sta sprecà par gnente.

 

Bisognaria giutar tanta zente

che vive sola, squasi desmentegà.


 

Bisognaria farghe compagnia

a quel malà che i s’à stufà de rancurar.

 

Bisognaria consolar quela mama e quel papà

che ga i fiòi co’ la vita incatigiàda.

Bisognaria darghe ‘na man

a quel che xe butà fora de casa.


 

Senza dir gnente, de quel che vede

solo co’ la mente.

Bisognaria che no’ ghe fusse al mondo

né fame nè guera,

ma più par tera de cussì, l’omo no’ pol star.


 

Ognun co’ la so idea

crede de essar giustificà

Usando la parola bisognaria.

Quel giudice che ne gavarà da scoltar,

podaralo dir quanti che se ne pol salvar?

 

 

MERY TURCATO.

For a professional business hosting we highly recommend hostgator review or cloud hosting
Associazione Oreb Via Albereria, 28 - 36050 LISIERA (VI) 0444 356065  - fax 0444 356448 P.IVA 02743220242 C.F. 95011190246

Copyright © 2011 Radio Oreb . Tutti i diritti riservati.

Joomla Templates designed by Joomla Hosting